News

Federazione scuole materne (FISM) nuovi minimi retributivi nella busta paga di settembre

News

Federazione scuole materne (FISM) nuovi minimi retributivi nella busta paga di settembre

Federazione scuole materne (FISM) nuovi minimi retributivi nella busta paga di settembre

Il Consiglio nazionale della FISM, riunitosi a Roma il 9 settembre scorso, ha ratificato l’accordo siglato in data 30 giugno 2022 che prevede, con decorrenza settembre 2022 l’incremento retributivo dei minimi così come previsto.

Inoltre, si legge nel comunicato, il prossimo 28 settembre le delegazioni trattanti si riuniranno nuovamente per dar seguito alla contrattazione per l’aggiornamento della parte normativa e la miglior definizione della parte economica in materia di welfare aziendale.

1-      il CCNL avrà decorrenza dall’1.1.2021 al 31.12.2023

2-      gli istituti economici contrattuali sono così definiti:

Retribuzione tabellare

La retribuzione minima tabellare spettante riferita al VI livello (docenti) è incrementata complessivamente di euro 80,00 lorde al mese, con le seguenti decorrenze:

euro 40,00 dal 1° settembre 2022

euro 40,00 dal 1° settembre 2023

Salario di anzianità

Dal 1° settembre 2023 è corrisposto mensilmente, per tredici mensilità, a titolo di “salario di anzianità”, un importo di 15,00 euro a tutto il personale che a quella data abbia maturato 2 anni di servizio ininterrotto presso lo stesso Ente.

Riconoscimento economico Una tantum

A copertura dei periodi dall’ 01.01.2019 al 31.12.2020 e dall’ 1.1.2021 al 31.12.2021, al personale di tutti i livelli in forza all’ 01.09.2022, viene erogata, a titolo di Una Tantum, l’importo lordo di euro 188,50.

 Welfare contrattuale

Per gli anni 2022 e 2023, entro e non oltre il 20 dicembre di ciascun anno, gli Enti mettono a disposizione di ciascun lavoratore strumenti di welfare del valore di 200,00 euro da utilizzare entro il 19 dicembre dell’anno successivo.

In coerenza con le nuove disposizioni legislative, è stato inoltre stabilito un incontro fra le parti per revisionare ed aggiornare, entro il 31/12/2022, la parte normativa del CCNL, per attualizzarlo e migliorare complessivamente l’esigibilità del testo. Dopo i necessari passaggi negli organismi dirigenti, tenuto conto dei vincoli statutari di ciascuna Organizzazione, le delegazioni trattanti si incontreranno per la sottoscrizione definitiva del seguente accordo entro il 10 settembre 2022 che, di fatto, apre la strada alla definizione del CCNL 2021-2023.

Partner Buffetti / Consulenza.it – Consulenza.it

Write A Comment