News

Tax credit locazione: nessuna verifica di fatturato in presenza di stato di emergenza per eventi calamitosi (attenzione alle date)

News

Tax credit locazione: nessuna verifica di fatturato in presenza di stato di emergenza per eventi calamitosi (attenzione alle date)

Tax credit locazione: nessuna verifica di fatturato in presenza di stato di emergenza per eventi calamitosi (attenzione alle date)

L’Emilia Romagna ha subito nel mese di novembre 2019 degli eventi calamitosi e per tale motivo è stata costretta a richiedere lo stato di emergenza. Questo l’iter:

  • 14 novembre 2019: dichiarazione stato di emergenza;
  • 2 dicembre 2019: estensione degli effetti della dichiarazione dello stato di emergenza;
  • 17 dicembre 2019: nomina da parte del capo della Protezione Civile dei commissari delegati;
  • 21 febbraio 2020 trasmissione del piano per i primi interventi urgenti;
  • 26 marzo 2020: approvazione del piano;
  • 2 aprile 2020: emissione decreto del presidente della giunta regionale nel quale si dà atto che tutta l’Emilia Romagna è stata interessata dalle avversità atmosferiche nel mese di novembre 2019

Tale percorso consente ai soggetti economici di poter accedere al tax credit locazione ex art. 28 Dl 34/2020 senza effettuare la richiesta verifica di fatturato?

Il comma 5 dell’art. 28 dispone che “ai soggetti locatari esercenti attività economica, il credito d’imposta spetta a condizione che abbiano subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi nel mese di riferimento di almeno il cinquanta per cento rispetto allo stesso mese del periodo d’imposta precedente. Il credito d’imposta spetta anche in assenza dei requisiti di cui al periodo precedente ai soggetti che hanno iniziato l’attività a partire del 1° gennaio 2019 nonché ai soggetti che, a far data dall’insorgenza dell’evento calamitoso, hanno il domicilio fiscale o la sede operativa nel territorio dei comuni colpiti dai predetti eventi i cui stati di emergenza erano ancora in atto alla data di dichiarazione dello stato di emergenza da COVID-19“.

Per rispondere all’interpello (Risposta 367/2021) l’amministrazione finanziaria ha adottato un parallelismo con il contributo a fondo perduto ex art. 25 Dl Rilancio; infatti, nella Circolare 22/E/2020, fu specificato che, in caso di eventi calamitosi, il contributo spettasse in presenza di tali requisiti:

  • il beneficiario avesse domicilio fiscale o la sede operativa in uno dei comuni colpiti da eventi calamitosi;
  • lo stato di emergenza fosse ancora in atto alla data del 31 gennaio 2020 (data della dichiarazione dello Stato di emergenza nazionale da Covid-19);
  • il suddetto domicilio/sede operativa fosse già tale alla data dell’insorgenza dell’originario evento calamitoso.

Tenuto conto che il soggetto che ha presentato l’interpello svolge l’attività di fotografo e che a novembre 2019 aveva già il domicilio fiscale e la sede operativa in Emilia Romagna, e tenuto conto che lo stato di emergenza era ancora in atto alla data del 31 gennaio 2020, l’amministrazione finanziaria ha ritenuto di poter fornire risposta positiva concedendo allo stesso, fermo restando la sussistenza di tutti gli altri requisiti previsti dalla norma, la possibilità di utilizzare il tax credit locazione ex art. 28 Dl 34/2020 senza effettuare la verifica della riduzione di fatturato.

Partner Buffetti / Consulenza.it – Consulenza.it

Write A Comment